35mm produzioni srl

STESSI BATTITI

LA STORIA DI UN RAGAZZO CHE RINCORRE IL PROPRIO SOGNO

SOGGETTO

Federico, un ragazzo di 17 anni ha un grande sogno: diventare un ciclista professionista. Ogni giorno, dopo la scuola lavora nell’azienda di Piero, un noto produttore di vino e la sua paga gli è necessaria per comprarsi una bici e partecipare alla sua prima corsa. Federico si allena su una vecchia bicicletta, a differenza del suo compagno di classe Roberto che dispone di tutti i mezzi necessari. Il padre di Federico, Angelo, chiusa la sua azienda per motivi ancora ignoti, non riesce a ripartire sia lavorativamente sia umanamente. Egli infatti cade in una forte depressione. Quando per il nostro protagonista, tutto sembrerà compromesso, Piero e Margherita aiuteranno il ragazzo a risollevarsi e grazie al grande ciclista Claudio Chiappucci, Federico riuscirà a realizzare il suo sogno.

CAST

roberto gasparro

ROBERTO GASPARRO

Regista

gianni parisi

GIANNI PARISI

ANGELO

Franco Barbero

FRANCO BARBERO

Fiorenzo

Luciana Nigro

LUCIANA NIGRO

Margherita

Claudio Chiappucci

CLAUDIO CHIAPPUCCI

Allenatore di Federico

Michele Franco

MICHELE FRANCO

Giancarlo

STEFANIA DE FRANCESCO

STEFANIA DE FRANCESCO

FILOMENA

vittorio chiolero

VITTORIA CHIOLERO

Rosella

Riccardio Fiorio

RICCARDO FIORIO

Federico

simone moretto

SIMONE MORETTO

Professore

Mauro tarantini

MAURO TARANTINI

MARIO

umberto anaclerico

UMBERTO ANACLERICO

MAURO IL FUNGAROLO

Luca Galtieri

LUCA GALTIERI

Giornalista e radiocronista

giada dovico

GIADA DOVICO

Impiegata

Paolo Belletrutti

PAOLO BELLETRUTTI

Operaio energia elettrica

BORELLO SUPERMERCATI

MAIN SPONSOR

 

SPONSOR & PARTNER

CASEIFICIO LONGO
COMUNE DI RIVARA
COMUNE DI OZEGNA
LA MEMORIA VIVA
CAFFETTERIA DEZZUTO
ISTITUTO FELLINI PER LA CINEMATOGRAFIA
OASY TEAM
EUROBUMP
OCCHIALI FABBRICA TORINO

NOTE DI REGIA

Per anni l’Italia sportiva, non solo quella del ciclismo si è divisa tra due corridori: Fausto Coppi e Gino Bartali. La domanda era uguale per tutti: chi è il più forte?
Questo era il dilemma che attanagliava milioni di italiani tra il 1940 e il 1948.

L’apoteosi dello sport, del suo messaggio, dei suoi valori.
Eppure, Bartali e Coppi erano in fondo due giovani che però, su quelle strade maledettamente ferite, vedevano i loro sogni.
I sogni….appunto, e i giovani, appunto …
Ho scritto questa sceneggiatura con l’obiettivo di parlare del sogno, inteso come mezzo per migliorare se stessi.

roberto gasparro

roberto gasparro

Ho immaginato così un giovane che sapesse ancora sognare, che avesse le idee chiare sul suo futuro e che facesse di tutto per realizzare quella necessità, perché sognare è necessario. Non ci si può esimersi.
E allora perché i giovani non sognano, o perlomeno, perchè molti di loro non lo fanno.
Io penso semplicemente perchè hanno tutto e questo “tutto” li appiattisce, li svuota, li rende tutti uguali e così, il mio povero Federico, protagonista di questa storia nasce spogliato dei suoi averi. Ha una bicicletta scassata e vuole fare il ciclista professionista. Ma se avesse voluto fare il calciatore, sarebbe nato dalla mia penna senza le scarpe e il pallone perchè i sogni vanno costruiti, cementificati nelle nostra ossa, impressi nella nostra testa.
Federico è un po’ Bartali, un po’ Coppi e se dovesse rispondere alla domanda che attanagliava gli italiani del dopoguerra, lui timidamente direbbe così: “Coppi era il talento, il genio, il Campione ma Bartali era e rimane il ciclismo.”
Quanto a me, umile sceneggiatore e regista di questa storia, penso che entrambi erano il sogno più bello chiamato ciclismo.

LOCATION

UFFICIO DI PRODUZIONE

Antonio Carloni

ANTONIO CARLONI

Direttore Commerciale - Supervisore

Alessandra giusti

Avv. ALESSANDRA GIUSTI

Contratti - Investitori esterni - Product Placement

Luca Bonomo

LUCA BONOMO

Segreteria

anna borrasi

Prof.ssa ANNA BORRASI

Relazioni esterne

CREW

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: